Menu

A tavola: l’etichetta è sempre un piatto forte

galateo_a_tavola

Il galateo la sa lunga su tanti e tanti argomenti: la tavola, naturalmente, non potrebbe che essere uno di questi.

I primi passi per un pranzo o una cena impeccabili

L’elemento fondamentale da valutare nella scelta del tavolo su cui servire il pranzo o la cena che sia è la sua dimensione: la tavola, infatti, deve essere grande a sufficienza da garantire a tutti i commensali la possibilità di mangiare in tutta comodità senza trovarsi a scontrare i gomiti con il vicino di sedia. L’ampiezza del tavolo scelto non deve quindi essere troppo scarsa ma neanche essere eccessiva rispetto al numero dei commensali. Immaginate di essere invitati a una cena e di ritrovarvi seduti a un tavolo immenso rispetto a quanti sono gli ospiti: non vi sentireste un po’ a disagio a parlare con gli altri commensali se il vostro “vicino di sedia” più vicino è comunque troppo lontano da voi?
In un pranzo o una cena tutto deve naturalmente essere coerente con il livello della serata. Quello che vi proponete di organizzare è un ricevimento lussuoso? Tutti i materiali presenti a tavola dovranno allora essere di qualità eccelsa. Sì quindi a piatti di porcellana e posate d’argento e sì anche a bicchieri di cristallo e a una tovaglia pregiata. Il galateo è però anche capace di evolversi così come si evolvono i costumi: se è vero quindi che la tovaglia perfetta dovrebbe avere una caduta laterale di 40-50 cm è anche vero che al giorno d’oggi, in un pranzo o una cena abbastanza informali, possono anche essere ammesse le tovagliette singole in pieno stile americano.

Mise en place: tutti i trucchi affinché sia impeccabile

Le posate principali vanno sistemate ai lati del piatto. A destra si avranno il cucchiaio, il coltello destinato alle carni e il coltello da usare per tagliare il pesce (ricordando che le lame dei coltelli devono sempre essere rivolte verso l’interno) mentre a sinistra saranno sistemate le forchette oltre che il tovagliolo e il piattino per il pane. In alto rispetto al piatto, ossia tra piatto e bicchieri, ci saranno invece le posate destinate ai dolci e alla frutta con il manico della piccola forchetta rivolto verso sinistra e il manico del coltellino e del cucchiaino rivolti invece verso destra. Nell’apparecchiare dovete naturalmente tener conto del numero e del tipo di portate che saranno servite e dovete anche tenere a mente che l’ordine d’uso delle posate va dall’esterno (ossia dalla posata più lontana dal piatto) verso l’interno.
Per quanto riguarda i bicchieri l’ordine di sistemazione prevede che da sinistra verso destra ci sia prima il bicchiere più grande che verrà utilizzato per bere l’acqua, poi, in base a quali vini sono previsti nel menu, il bicchiere per il vino bianco e poi quello per il vino rosso. Qualora fossero poi previsti anche vini speciali è bene aggiungere altri bicchieri per servirli cercando però di non eccedere nel numero di bicchieri.
L’acqua, se minerale, può essere tenuta sulla tavola nella propria bottiglia originale o, in alternativa, si può optare per delle caraffe ma, attenzione: nell’allestimento della tavola è bene sempre fare in modo che la tavola non sia eccessivamente ingombrata. Il galateo del resto prescrive sempre equilibrio e misura e una tavola troppo carica è ben lontana da questi precetti.
Se il pranzo o la cena per cui avete invitato i vostri commensali si propone di essere lussuosa allora fareste bene a servire almeno tre vini ricordando sempre che con il pesce il bianco è quasi d’obbligo mentre la carne in genere si sposa meglio con il vino rosso e tenendo anche a mente che spumante e champagne vanno serviti rigorosamente freddi.

A ogni occasione la sua disposizione!

L’occasione per cui avete deciso di organizzare un pranzo, o una cena, è una riunione di famiglia? Se tra gli invitati si annoverano tutti e quattro i suoceri allora tenete a mente che i due padroni di casa dovranno stare ai due capi del tavolo. La padrona di casa dovrà avere accanto a sé i due uomini mentre il padrone di casa dovrà avere le due donne e, in particolare, il proprio genitore deve essere alla propria sinistra mentre il genitore del partner alla propria destra: la padrona di casa avrà quindi il proprio padre alla sinistra mentre alla destra avrà il suocero e, allo stesso modo, il padrone di casa avrà alla propria sinistra la madre e alla destra la suocera. Altra regola importante da tenere a mente se si prevedono molti invitati, (come spesso accade nelle riunioni non solo di famiglia ma, anche, in cene tra amici o pranzi tra colleghi) è che in una lunga tavolata i posti più importanti, otre che quelli posti di fronte, sono i due centrali dei due fianchi del tavolo. Avete in previsione di invitare molte coppie? Ricordate sempre che le coppie andrebbero separate e cercate di alternare, nella vostra disposizione, uomini e donne.

Sistemazione dei posti a tavola: usare o non usare i segnaposto?

Dato che secondo il galateo la disposizione dei posti dovrebbe seguire delle regole precise (regole a cui ci si dovrebbe attenere in maniera tanto più ferrea quanto più il pranzo o la cena organizzati sono formali) può essere molto utile optare per dei segnaposto anche se, fino a un certo numero di invitati, il loro uso non è obbligatorio: i posti, se i commensali sono meno di dieci possono infatti anche essere assegnati a voce prima che le portate vengano servite.

Dalla parte degli invitati: come comportarsi?

Organizzare un pranzo o una cena può non essere semplice: ci sono di certo diverse cose di cui occuparsi affinché l’evento riesca al meglio e anche un piccolo errore potrebbe mandare a monte tutta l’organizzazione. Tuttavia se è vero che vestire i panni dei padroni di casa può non essere una passeggiata è anche vero che pure gli invitati possono non avere vita facile. Siete stati invitati a una cena e avete paura di fare qualche imperdonabile gaffe? Il galateo può venire prontamente in vostro soccorso insegnandovi alcune regole da rispettare. Siete da sempre stati abituati ad augurare a tutti un buon pranzo o una buona cena? Se volete rispettare appieno i precetti del galateo fareste meglio a evitare. Superato quindi lo scoglio di non dire “buon appetito” recuperate il valore della pazienza: non iniziate a mangiare finché non l’avrà fatto anche la padrona di casa, anche se avete una gran fame. Altri errori imperdonabili secondo il bon ton? Naturalmente appoggiare i gomiti sul tavolo, fare troppo rumore mentre si mangia, usare il tovagliolo mettendolo al collo invece di posarlo sulla gamba e dimenticare di pulirsi le labbra prima di usare i bicchieri. Volete essere degli invitati impeccabili? Anche se quando siete da soli, nell’intimità della vostra casa, a fine pasto usate lo stuzzicadenti ricordate di non farlo mai in pubblico e, per favore, dimenticatevi del cellulare almeno per il tempo delle portate.